Sono ormai oltre 7 milioni le aziende che ricevono regolarmente pagamenti online utilizzando il servizio offerto da Paypal, il celebre Gateway di pagamenti che offre servizi di gestione integrata del denaro per gli ecommerce.

Paypal, si rivolge essenzialmente a tre tipologie di utenti:

  • al Privato, ossia alla persona fisica che usa paypal per pagare online senza utilizzare la propria carta di credito su ogni sito web sul quale acquista e per ogni transazione che effettua, tenendo conto anche dellla possibilità di ricevere pagamenti da privati;
  • all’Azienda (o all’Ente) che deve impostare un sistema per ricevere pagamenti online sul suo ecommerce e non dispone di un sistema di pagamento con carta di credito collegato al proprio istituto bancario, o in alternativa ne vuole offrire uno a tutti gli utenti che anziché pagare con carta di credito, preferiscono pagare tramite paypal per motivi di sicurezza;
  • alle Web Agency che sviluppano ecommerce e che propongono paypal come sistema di pagamento ai propri clienti che devono proporre u sistema di pagamento per l’acquisto dei prodotti in vendita.

paypal smartphone

Per ciò che riguarda il Privato, è possibile utilizzare Paypal per inviare e ricevere denaro, fare acquisti online, tutto attraverso un unico portafoglio virtuale gestito tramite il servizio PayPal. Per fare ciò è sufficiente registrarsi sul sito web, collegare al portafoglio elettronico la propria carta di credito (anche più di una), il proprio conto corrente, il proprio bancomat o la propria carta prepagata e scegliere una mail di riferimento ed una password che verranno poi utilizzati per le transazioni. Utilizzare Paypal è davvero molto semplice ed aggiunge un ulteriore livello di sicurezza e di garanzia ai pagamenti, facendosi garante delle transazioni e dei processi attraverso i quali queste avvengono. Tutti gli approfondimenti del caso possono essere consultati sul sito web di Paypal nell’apposita sezione.

Per quanto riguarda le Aziende, è possibile utilizzare Paypal a prescindere dal numero di transazioni che si gestiscono e del tipo di transazioni che effettivamente sono strutturate nei processi di vendita online e non solo. In tal caso l’azienda potrà decidere se utilizzare solo Paypal come strumento per l’acquisizione di pagamenti elettronici, o proporlo come alternativa ad altri strumenti come spesso avviene su ecommerce strutturati per accettare pagamenti tramite carta di credito direttamente sulla propria Banca che può mettere a disposizione dei propri sistemi di pagamento. In ogni caso le vie per ricevere pagamenti di tipo business sono essenzialmente due:

  • pagamenti tramite email, con un semplice sistema che permette di creare delle fatture proforma personalizzate (Paypal sul suo pannello propone dei modelli gratuiti) che potranno poi essere inviate ai clienti attraverso la propria email. Ai clienti sarà consentito pagare direttamente attraverso un collegamento all’interno dell’email semplicemente attraverso un link dedicato alla procedura di pagamento;
  • pagamenti sul sito web, possibili grazie all’integrazione di un apposito tool all’interno del proprio ecommerce, in grado di interagire con gli account PayPal dei clienti o nel caso non disponessero di un loro account, tramite carta di credito utilizzando i pulsanti di pagamento PayPal. Sono anche disponibili delle soluzioni personalizzate.

Per le aziende che distribuiscono i loro prodotti attraverso i marketplace più comuni, sono inoltre disponibili le funzioni messe a disposizione dal marketplace stesso al fine di ricevere anche il pagamento delle vendite attraverso paypal (come accade da sempre per eBay o come sta per rilasciare Amazon). In questo caso, a PayPal sono anche collegati dei sistemi di garanzia a favore del cliente finale. Anche in questo caso è necessario iniziare un processo di registrazione attraverso l’apposito link all’area dedicata.

apppaypal

Infine, per le Web Agency che sviluppano siti ecommerce, si occupano di sviluppare soluzioni per il commercio online o sviluppano app che prevedono un pagamento è possibile aderire ad un apposito programma di partnership, attraverso il quale PayPal offre un servizio di supporto specifico, utile a fornire informazioni di ordine tecnico e operativo affinché l’agenzia possa integrare al meglio gli strumenti messi a disposizione. Sono disponibili informazioni sui kit SDK, sulle API relative all’implementazione di PayPal o di Braintree (società di proprietà di PayPal dedicata ai pagamenti in app). Per valutare la partnership, esiste un sito apposito. Accedendo al partner Program è inoltre possibile essere introdotti nel sistema di ricerca partner offerto da PayPal al cliente che ricerca un integratore delle soluzioni PayPal, disponibile su un apposita area del sito.

Sicuramente PayPal è diventato uno strumento interessante per chi effettua transazioni online. In attesa dello sviluppo dei social Payment, è probabilmente la soluzione più diffusa e conosciuta a livello worldwide, in grado di consentire ad una startup di iniziare a ricevere pagamenti online in modo rapido e sicuro, senza affrontare costi elevati di avviamento. Al crescere del business potrebbe avere senso valutare soluzioni alternative in grado di consentire migliori tariffazioni.

Dal punto di vista dell’utente finale rappresenta uno strumento relativamente affidabile, in grado di evitare un utilizzo rischioso della carta di credito.

 

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER DI GBS 
PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Rimani aggiornato e segui le chicche
pubblicate dai nostri esperti.
Riceverai comodamente sulla tua mail gli ultimi articoli pubblicati sul nostro blog e rimarrai informato sulle novità del settore.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa (Privacy Policy)

Acconsento a ricevere materiale pubblicitario inerente le attività, i servizi e prodotti di Global Business Solution S.r.l. (Materiale Promozionale)

Acconsento a ricevere materiale informativo (c.d. newsletter)

No grazie, preferisco venire a leggerli sul sito (quando mi ricordo)