L’energia consumata nell’edilizia residenziale per riscaldare gli ambienti e per l’acqua calda sanitaria rappresenta circa il 30% dei consumi energetici nazionali, e rappresenta circa il 25% delle emissioni totali nazionali di anidride carbonica, una delle cause principali dell’effetto serra e del conseguente innalzamento della temperatura del globo terrestre.

Sul consumo totale di combustibile consumato per riscaldare il nostro edificio, si può risparmiare anche dal 20% al 40% fin dal 1° anno, con benefici notevoli sulla bolletta energetica.

ISOLAMENTO DELLE COPERTURE
Tra tutte le superfici esterne di un edificio, spesso, il tetto è l’elemento che disperde più calore durante la stagione invernale e provoca surriscaldamento nei mesi estivi, a causa del basso livello di isolamento. Isolarlo non è difficile, l’importante è individuare la soluzione più adatta alle nostre esigenze.
Se la copertura non è mai stata isolata è consigliabile intervenire immediatamente.
Se la copertura è stata isolata più di 10 anni fa è consigliabile verificare lo stato dell’isolante: deve essere perfettamente asciutto, non lacerato, coprire tutta la superficie del tetto e aver conservato il suo spessore iniziale. Nel caso contrario è meglio provvedere ad un nuovo isolamento.
Copertura piana Se la copertura dell’edificio è piana (terrazzato) è possibile intervenire dall’interno oppure dall’esterno. L’isolamento esterno è un intervento delicato perché il terrazzo necessita di un’accurata impermeabilizzazione e, se è praticabile, anche di un’adeguata pavimentazione. Si consiglia, pertanto, di rivolgersi a personale esperto.
Sottotetto non praticabile Conviene posare l’isolante sul pavimento del sottotetto.
Isolare la parte inclinata porterebbe solo a riscaldare inutilmente il volume del sottotetto con il calore che sale dagli ambienti sottostanti.
Sottotetto praticabile Conviene isolare dall’interno, fissando l’isolante parallelamente alla pendenza del tetto.
Ricordiamo che se interveniamo dall’interno, nel soffitto dell’ultimo piano, generalmente non sono richieste decisioni condominiali.
Mansarda Se la mansarda è abitata conviene posizionare l’isolante all’esterno, sotto i coppi o le tegole, in modo da non ridurre la superficie utile, altrimenti è possibile isolare dall’interno.
Ricordiamo che è importante regolare di nuovo l’impianto di riscaldamento e condizionamento dopo aver effettuato l’intervento di risparmio energetico.

ISOLAMENTO DI SOLAI SU LOCALI NON RISCALDATI
Gli appartamenti costruiti sopra porticati disperdono calore attraverso il pavimento essendo a diretto contatto con l’ambiente esterno più freddo.
Anche le cantine ed i garage beneficiano inutilmente degli apporti di calore provenienti dai locali superiori abitati e riscaldati. Per evitare questi inconvenienti basta isolare il soffitto dei locali non riscaldati e dei porticati.

SERRAMENTI
Controlliamo la tenuta dei serramenti Le infiltrazioni provenienti dalle finestre provocano dei rinnovi d’aria eccessivi, con relative dispersioni di calore. E’ buona norma controllare periodicamente lo stato delle guarnizioni poste sulle battute delle ante e sostituirle se necessario. Naturalmente, se abbiamo vecchi modelli di serramenti che non hanno le guarnizioni provvedere all’installazione.
Inoltre, piccole infiltrazioni d’aria dal telaio possono essere eliminate usando il silicone.
Controlliamo le dispersioni di calore dal cassonetto Il cassonetto è uno dei punti di notevole dispersione di calore perché spesso non è isolato; poiché isolarlo è un intervento piuttosto semplice e poco costoso, laddove c’è lo spazio sufficiente, almeno 2cm, applicare un pannello isolante.

IMPIANTI TERMICI
Il nostro impianto di riscaldamento, per essere efficiente e consumare poco, deve essere ben tenuto e perfettamente regolato. Spesso, invece, le nostre caldaie sfruttano poco o male l’energia contenuta nel combustibile.
Proprio per questo il D.P.R. 412 del 26.8.93 ed il Dlgs 19 agosto 2005 N. 192 hanno reso obbligatori i controlli sull’efficienza degli impianti termici.
Su tutti gli impianti, sia centralizzati che autonomi, dobbiamo far effettuare almeno una manutenzione all’anno, secondo regole precise. La manutenzione deve essere effettuata da tecnici specializzati che riportano i risultati dei controlli effettuati su un “libretto” che ogni impianto deve avere.
I sistemi di regolazione della temperatura interna In molte abitazioni condominiali, le condizioni termiche, tra piano e piano e tra appartamenti con diverse esposizioni, sono fortemente disomogenee.
Perché tutto ciò accade? Spesso l’impianto è stato realizzato in maniera poco corretta e quindi, per assicurare una temperatura accettabile in uno o più appartamenti, di solito quelli esposti a nord o all’ultimo piano, viene aumentata la temperatura ambiente in tutti gli alloggi.
Inoltre, gli apporti gratuiti di energia, dovuti alla presenza di persone, elettrodomestici e computer, e quelli che provengono dal sole, possono essere molto rilevanti e surriscaldare gli ambienti. In questi casi, il rimedio più semplice consiste nell’applicare, ad ogni radiatore, una valvola termostatica. Si tratta di un dispositivo che regola automaticamente l’afflusso di acqua calda ai radiatori. La valvola si chiude automaticamente a mano a mano che la temperatura ambiente, misurata da un sensore incorporato nella manopola, si avvicina a quella desiderata.
Le valvole termostatiche vanno installate al posto della vecchia valvola manuale.

Con l’installazione di un impianto domotico che gestisca le temperature è possibile ridurre ulteriormente i costi di riscaldamento, installando delle elettrovalvole sui collettori, comandate da un cronotermostato multizona domotico. Con l’aggiunta di una piccola centralina meteo installata nel punto corretto all’esterno della casa, l’impianto domotico riuscirà a gestire in automatico la regolazione delle temperature in ogni zona della casa indipendentemente.

Con questo sistema si riesce a riequilibrare sia la temperatura all’interno del singolo appartamento che fra i diversi alloggi, risparmiando sui consumi energetici fino al 20%, perché si evitano i disagi dovuti all’eccessivo surriscaldamento di alcuni locali e si sfruttano adeguatamente gli apporti gratuiti di energia solare. La legge n. 10/91 ed il DLs N. 192/05 hanno reso obbligatoria l’installazione delle valvole termostatiche negli alloggi di nuova costruzione e nelle ristrutturazioni degli impianti termici, comprendendo il caso di trasformazione totale dell’impianto centralizzato in impianti autonomi.

SOLARE TERMICO
Gli impianti solari termici consentono di produrre acqua calda sfruttando il calore del sole.
Possono sostituire del tutto o in parte lo scaldacqua elettrico o a gas. Consentono di ridurre notevolmente i consumi di energia per il riscaldamento dell’acqua sanitaria, e una volta ammortizzata la spesa dell’impianto si avrà a disposizione acqua calda gratuita.
Installare un impianto solare è più conveniente se con questo sostituiamo uno scaldabagno elettrico. La convenienza diminuisce se già ne possediamo uno a gas. E’ consigliabile rivolgersi ad un tecnico esperto che saprà certamente indicare l’impianto più adatto alle nostre esigenze.
Teniamo presente che è importante non sovradimensionare l’impianto, non deve produrre più del 75% del fabbisogno di acqua calda, in quanto il costo aumenterebbe sensibilmente senza un corrispondente risparmio di energia.