Dotare la propria abitazione di un impianto domotico di ultima generazione significa sostanzialmente godere del meglio che le recenti tecnologie hanno da offrire nell’ambito della gestione degli impianti. L’obiettivo di una soluzione domotica applicata alla casa è in parole povere quello di avere a disposizione una rete tecnologica e computerizzata che consenta una comunicazione rapida e veloce tra i diversi sistemi, a cominciare da quello audio e di videosorveglianza. Quando si parla di impianto audio domotico infatti si fa riferimento ad un sistema innovativo di gestione delle apparecchiature sonore presenti in ogni casa. Sfruttando gli ultimi ritrovati della tecnologia in campo informatico, si può dire che l’impianto multiroom stia progressivamente soppiantando il più tradizionale sistema di filodiffusione.

Le prospettive di utilizzo di un impianto audio domotico

Le possibilità di sfruttamento di un impianto domotico, che garantisca la gestione dei vari sistemi tecnologici presenti in casa, sono praticamente illimitate. Se ci si riferisce in maniera specifica alle possibili applicazioni a carico del sistema audio e video, si può parlare di una diffusione del segnale sonoro e visivo estesa a tutti gli ambienti della casa. L’impianto multiroom infatti permette di distribuire in ogni stanza dell’abitazione la musica e i video provenienti dall’impianto principale o da una determinata apparecchiatura presente in un angolo della casa.

Ciò significa che, in qualsiasi ambiente domestico ci si trovi, diventa possibile selezionare la traccia audio desiderata, avviare la riproduzione di un DVD o sintonizzarsi su di una determinata stazione radio, in modo indipendente, con sorgenti audio/video differenti e controllo dei volumi indipendenti.

Le sorgenti audio e video vengono centralizzate in una matrice audio/video e vengono distribuite in modo indipendente nell’ambiente in cui si trova l’utente. Il vantaggio di un sistema audio video multiroom è la libertà di ascoltare la musica preferita o vedere un film su un televisore, gestendone anche il volume, esattamente come se si utilizzasse un impianto audio video dedicato a quella stanza.

La filodiffusione invece permette solamente l’ascolto della stessa musica in tutti gli ambienti collegati, senza possibilità di scelta della sorgente musicale.
Ad esempio, se in camera da letto cambio la traccia audio, in cucina cambierà di conseguenza e l’unica azione che è consentita è quella di spegnere l’audio nelle zone dove non voglio sentire la musica.

L’ulteriore vantaggio ad utilizzare un sistema di audio video multiroom è quello di integrarlo ad un impianto domotico. In questo modo è possibile gestire tutte le zone con un unica interfaccia, quella domotica, ed utilizzare le zone multimediali all’interno di scenari domotici.

Un esempio classico è la sveglia mattutina: si può impostare la sveglia sull’interfaccia domotica impostando la traccia audio desiderata o la radio, il volume delle casse, la stanza dove far partire la musica, far alzare leggermente le tapparelle della stanza ed impostare l’intensità della luce di una o più lampade all’interno della stanza.

Impianto audio/video e la videosorveglianza

La possibilità di gestire e di tenere facilmente sotto controllo tutti gli input visivi e sonori presenti all’interno della propria casa offre una maggior margine di sicurezza e di tranquillità. L’installazione di un impianto domotico perfettamente funzionante prevede infatti un’adeguata integrazione tra il sistema audio e video e quello di sorveglianza. I vantaggi che derivano da questo tipo di tecnologia all’avanguardia sono sotto gli occhi di tutti, a cominciare dalla comodità di gestione delle apparecchiature elettroniche comunemente utilizzate all’interno delle mura domestiche. Poter contare su di un sistema di sorveglianza audio e video tecnologicamente avanzato assicura un’ulteriore protezione alla propria casa e rende più confortevoli e veloci le operazioni di gestione dell’intera gamma di impianti di cui si dispone.